CHIUSI (SI) – La Emma Villas Vitt Chiusi è agli sgoccioli di questa importante fase di mercato ed anche gli ultimi arrivati rispecchiano la tendenza avuta dalla società durante tutta la campagna acquisti, ovvero di ingaggiare giocatori di un certo calibro per permettere alla Emma Villas di essere la vera rivelazione del prossimo campionato. Andrea Di Marco è l’acquisto più recente appena ufficializzato nella sede della società a Chiusi, e proviene dalla serie A2. Nato nel 1982 a Foligno (Pg) e alto ben 200 cm, vanta una carriera nel volley più che decennale. Compiuta la maggiore età gioca con la squadra della sua città, prima in serie C, poi due anni in serie B2. Nel campionato 2003/2004 indossa la maglia della Pallavolo Pineto (B1) per passare subito dopo alla Volley Potenza Picena, militante nella stessa categoria. Nel 2005 avviene il suo esordio in A2, dove gioca per otto stagioni fino alla primavera di quest’anno, da Isernia a Corigliano, da Catania a Loreto, fino a disputare lo scorso campionato con la Sidigas Atripalda. Di Marco è arrivato a Chiusi sorridente, con la carica e la positività giusta, e alla sua firma dichiara: “Ho sposato il progetto di questa società perché mi è piaciuto sin dall’inizio e credo nelle potenzialità che abbiamo. Arrivo con tutta la volontà, la grinta e la serietà che io possa offrire, e mi piacerebbe anche trasmettere un po’ della mia esperienza ai compagni più giovani. Ho optato per questa scelta soprattutto per due motivi: il primo, professionale, è perché mi affascina l’ambizione del team nonostante si tratti di una neo-promossa, mentre il secondo, più personale, è perché ho l’occasione di riavvicinarmi a casa dopo tanto tempo”. Andrea Di Marco prosegue poi riflettendo sulla squadra e sui suoi obiettivi: “Ho percepito subito tanta voglia di fare bene. Io non sono un giocatore che scende in campo per la A o per la B, perché ogni campionato ha le sue difficoltà e cerco sempre di giocare dando il meglio di me. Sono contento che la Emma Villas Chiusi abbia intenzioni serie e non credo che una neo-promossa deve per forza puntare alla salvezza o ad un buon campionato senza ambizioni; credo invece che ove sono le potenzialità sia giusto sfruttarle e puntare subito in alto. L’idea di vincere il campionato mi alletta molto, e sono sicuro che è più stimolante anche per tutti gli altri giocatori. A proposito di compagni, negli anni scorsi ho giocato contro Camardese e durante la finale di Coppa Italia di A2 di qualche mese fa, tra la Gherardi SVI Città di Castello e la Sidigas Atripalda, uno dei miei avversari era proprio Roberto Braga. Nutro molta stima nei loro confronti, ma in linea generale tutto l’organico mi sembra ottimo ed equilibrato. Come avete capito sono entusiasta”. La firma è avvenuta alla presenza del Presidente Bisogno, del mister Giannini, del secondo allenatore Marchettini e del team manager Mechini, che afferma: “Siamo ben contenti di avere con noi anche Andrea, e devo dire che questa volta la trattativa è stata abbastanza veloce”.

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.
Cookie policy