Il Presidente Bisogno: “Pensiamo all’obiettivo salvezza: la vicinanza e il sostegno ai ragazzi hanno fatto la differenza in queste ultime partite”

Dall’ombra della retrocessione al sogno dei playoff, cosa è successo in queste ultime 5 partite?

Il Presidente Giammarco Bisogno: “È successo che quando nella vita tocchi il fondo escono le risorse nascoste di ogni persona e credo che soprattutto alcuni giocatori, con un passato anche importante, siano stati toccati nell’orgoglio e nella propria dignità sportiva.

Credo che la partita di svolta, quella chiave, sia stata quella con Reggio Emilia. Vincere contro una squadra che aveva conquistato da pochissimo la Coppa Italia, realizzare contro questa squadra una straordinaria rimonta, sotto di 2 a 0 fino alla vittoria al the break, abbia scosso quelle doti e capacità nascoste. 

In queste settimane devo dire che c’è stato un lavoro costante da parte della società, da parte mia e dello staff tecnico di avvicinamento alla squadra. Ci siamo parlati, abbiamo passato molto tempo insieme e sono emerse alcune situazioni che non facevano rendere loro al 100%, sia tecniche che psicologiche. E, insieme, siamo riusciti ad uscire, sebbene parzialmente, da una situazione drammatica che resta ancora molo complessa ed incerta ma che ci consente di sperare nella salvezza rispetto alla quasi certa retrocessione di poche settimane fa”.

Una cosa da sottolineare è che nella storia di una stagione si intrecciano tante storie personali che non riguardano solo le prestazioni tecniche ma anche questioni emotive, psicologiche che incidono sull’atteggiamento e rendimento degli atleti in campo. Quanto è giusto stare vicino umanamente ai giocatori, agli uomini che indossano le maglie?

 

“Penso che i successi sportivi siano fortemente figli di un lavoro umano, di empatia poiché non sempre le doti tecniche o il talento ci consentono di raggiungere certi massimi risultati. Spesso allora entra in gioco la chimica di un gruppo che consente di raggiungere determinati obiettivi anche impensabili. Prendi l’esempio in Champions tra il Real Madrid e il PSG, il concetto di squadra e di storia del club contro un gruppo di giocatori assoldati per il puro talento e il successo che va oltre ogni stima economica. Che questa possa essere una lezione. Per il nostro futuro questo lavoro di di vicinanza, sostegno e di comunicazione con gli atleti è da tenere fortemente in considerazione”.

 

A proposito di futuro quali sono ora le strade che si prospettano a tre giornate dalla conclusione della Regular Season? (La retrocessione spetta alle ultime due classificate con un distacco di almeno 3 punti dalla terzultima n.d.r.)

 

“Prima di tutto dobbiamo pensare alla salvezza perché ancora non abbiamo fatto niente e basta poco per buttar giù tutto quello che abbiamo faticosamente ricostruito. A mio parere dobbiamo fare ancora almeno tre o quattro punti. La partita contro Cantù sarà fondamentale. Purtroppo abbiamo una giornata di riposo questo weekend, quindi sebbene abbiamo fatto tanto in queste ultime partite dobbiamo prendere atto che la classifica è molto corta e noi contiamo un match giocato in più rispetto agli altri. Ad ora Ortona, Porto Viro e Cantù sono a pochissimi punti da noi. L’ipotesi playoff è un’ipotesi affascinante ma i numeri ci danno poche possibilità. Anche se le vincessimo tutte e facessimo un bottino di sei punti, davanti a noi ci sono squadre più avanti rispetto a noi e che hanno un calendario più abbordabile. Per fare i playoff ci sarebbero serviti un paio di punti in più. Ma ora pensiamo alla salvezza”.

 

 

In A2 la Emma Villas ha sempre affrontato un campionato più o meno al vertice, questa stagione ci consente di guardare la classifica dal lato opposto. Le considerazioni più volte fatte sull’allargamento del campionato a più squadre valgono ancora?

 

“Più che mai. Sia i campionati di A2 che di A3 dovrebbero essere rivisti. Sono campionati corti che non danno modo di recuperare se sbagli qualche cosa, se hai un problema fisico di qualche giocatore ad esempio. Pensare che con 13  squadre hai 24 partite. Non è neanche più un campionato. Si può chiamare torneo.

Un campionato allargato almeno a 16 squadre con playoff ridotti sarebbe interessante. Avresti più tempi di recupero e i valori di squadra, sul lungo termine, sicuramente escono fuori. 

Per non parlare del lato business: sponsor e imprenditori che sostengono questo sport – che non ha introiti dalla tv o dalla Lega o Federazione ma si mantiene solo con sponsor e pubblico – hanno la possibilità di fare un campionato più ampio temporalmente avendo così più occasioni di visibilità. 

 

Un campionato a più squadre consentirebbe anche di coprire più aree del territorio nazionale. Quest’anno per esempio mancano le isole. Anche l’ampliamento della copertura sul territorio italiano sarebbe un’opportunità fondamentale per le aziende che si possono coinvolgere a livello di sponsor e dunque di introiti per il movimento”.

 

Come si muove il club adesso tra l’ipotesi di permanenza in A2 ed una eventuale retrocessione in A3?

 

“Siamo in una fase di analisi in queste tre settimane. Ovviamente mi auguro che l’A2 possa rimanere la nostra categoria anche il prossimo anno. Stiamo organizzando la parte commerciale, per poter incontrare sponsor, amministrazioni locali e realtà  imprenditoriali della nostra zona, da Confindustria alla Camera di Commercio, alla Confesercenti e a tutte le categorie di associazioni di impresa. Già quest’anno abbiamo fatto l’accordo con ANCE, associazione di costruttori edili. 

Ci muoveremo per allargare il nostro raggio, con l’obiettivo di portare nella nostra rete commerciale più di cento sponsor.

Siamo stati tra i primi della categoria a proporre tra le nostre attività il B2B, a puntare sulle sinergie imprenditoriali e sulle opportunità di lavoro che si potevano realizzare fra i vari sponsor. Soprattutto e grazie alle occasioni di traino imprenditoriale che il main sponsor e proprietario Emma Villas Tour Operator può creare avendo quasi 500 ville in tutta Italia. 

Entrare nel nostro network offre occasioni alle aziende che lavorano in tutti settori perimetrali al nostro, dal settore energetico, all’arredo, al verde, poi le piscine, l’edilizia, l’impiantistica, il catering etc. Invito le aziende a partecipare e ad investire in questo movimento creando tra tutti un percorso di opportunità reciproche sia lavorative che sportive condividendo insieme il sogno di avere una squadra al top della pallavolo italiana.

Sono certo che con l’organizzazione Emma Villas questo sia un obiettivo raggiungibile e dobbiamo perseguire questo volano fondamentale ed indispensabile per sostenere questi progetti sportivi”.

Other Articles

Campionato 2021/2022Comunicati stampa 2021/2022News
Campionato 2021/2022Comunicati stampa 2021/2022News

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.
Cookie policy